Suomen sivusto, jossa voit ostaa halvalla ja laadukas Viagra http://osta-apteekki.com/ toimitus kaikkialle maailmaan.

Yritti äskettäin viagra, se toimii erittäin tehokkaasti)) Ostaa Internetin kautta täällä priligy Myös ostaa levitra oikeudenkäynti, vaikutus on silmiinpistävää.

L’area delle colline interne del comune di capalbio può dirsi interessata da due principali tipi di clima: le colline a mare c

Quadro conoscitivo del Piano Strutturale
Capitolo 11
Relazione
sulla vegetazione
L’area delle colline interne del Comune di Capalbio può dirsi interessata da due principali tipi di 1) le colline a mare che ricadono all’interno dell’area prettamente mediterranea con estati 2) 2) le colline interne interessate da un clima mesotermico con un moderato deficit idrico, che risulta ancora meno pronunciato nelle stazioni pianeggianti e nei fondovalle. Oltre a questa situazione a determinismo essenzialmente climatico bisogna considerare che lungo le ripe e nei fondovalle si determinano situazioni stazionali che favoriscono la presenza di una falda freatica superficiale che porta a condizioni di idrofilia più o meno accentuata, favorendo le specie più prettamente igrofile. In funzione delle specie arboree dominanti e delle caratteristiche ecologiche delle stazioni dove esse si trovano possiamo ricondurre i consorzi forestali del territorio comunale alle seguenti
principali tipologie:

1) boschi di sclerofille sempreverdi mediterranee a dominanza di leccio sulle dorsali e sui

versanti a mare.
2) boschi misti a dominanza di leccio e latifoglie decidue, soprattutto roverella e ornello.
3) boschi a dominanza di latifoglie dei versanti delle colline interne.
4) boschi lineari dei fondovalle a dominanza di frassino.
5) boschetti semiripari a farnetto e frassino.
6) boschetti con pioppi e frassino delle aree paludose.

Le prime tre grandi tipologie dominano il paesaggio forestale del Comune e rappresentano la “vegetazione zonale” dell’area, mentre le altre tre si presentano sporadiche ed interrotte, anche se rivestono un notevole interesse botanico e naturalistico in generale. Viene qui di seguito riportata una breve descrizione di queste tipologie forestali basate su osservazioni in campo ed in funzione dell’analisi della bibliografia esistente in particolare: ARRIGONI (1998, 2001), MONDINO & BERNETTI (1998), MONDINO (1998). Oltre a queste opere che possono essere considerate di base, saranno prese in considerazione, di volta in volta, quelle riferite più propriamente alla tipologia trattata. 1) Boschi di sclerofille sempreverdi mediterranee a dominanza di leccio sulle
dorsali e sui versanti a mare (L) con sughera L(s)
La biocora mediterranea è, in Maremma, a netto appannaggio di formazioni forestali dominate dal leccio, specie rustica, che ben sopporta una, anche prolungata, siccità estiva. Sulle dorsali calcaree e sui versanti a mare queste formazioni tendono a diventare dominanti in quanto le essenze semidecidue sono limitate nel loro sviluppo dalla presenza dell’estate siccitosa e solo raramente possono rifugiarsi nelle zone pianeggianti dove la mancanza di piovosità è in qualche modo compensata dalla presenza di una falda superficiale. Le leccete della Maremma sono state studiate da WIKUS & PIGNATTI (1968), da ARRIGONI & al. (1985) e da ARRIGONI & DI TOMMASO (2000). Facendo riferimento alle osservazioni sul campo e a quelle dedotte dalle pubblicazioni sopra citate possiamo attribuire i consorzi di leccio al Viburno tini-Quercetum ilicis (Br.Bl. 1936) Riv.-Mart. 1975, anche se, recentemente, si è più propensi ad una indipendenza delle cenosi peninsulari rispetto a quelle provenzali e spagnole che vengono attribuite ad una nuova associazione denominata Cyclamino repandi-Quercetum ilicis Biondi & al. 2002. In ogni caso si tratta di boschi cedui o, più raramente cedui matricinati sulle dorsali delle colline interne. La partecipazione a questi consorzi di specie arboree è scarsa, solo raramente si può trovare Quercus pubescens Willd., Fraxinus ornus L., Sorbus domestica L. La flora arbustiva è sporadica e a carico solo di alcune specie fra cui Viburnum tinum L., Pistacia lentiscus L., Rhamnus alaternus L. e Phillyrea latifolia L. Localmente è presente anche Quercus suber L. La flora erbacea è ancora più sporadica, vista la scarsa quantità di luce presente nel sottobosco di questi boschi: Asplenium onopteris L. e Cyclamen repandum L. sono le più frequenti.

Specie indicatrici
Quercus ilex L.
Quercus suber L.
Arbutus unedo L.
Viburnum tinus L.
2) Boschi misti a dominanza di leccio e latifoglie decidue (R/L)
Questo tipo di formazioni sono nella zona in esame costituiti da formazioni misti di leccio, roverella, e orniello. Si distribuiscono sui versanti settentrionali e nelle stazioni a maggiore ritenzione idrica nell’area del leccio, oppure sulle dorsali delle colline nell’area delle latifoglie decidue. Localmente, nelle stazioni più scoscese e con maggiore umidità, anche Ostrya carpinifolia Scop., può entrare a far parte di questi consorzi. Da notare che non sempre la distinzione fra boschi di leccio con roverella e boschi di roverella termofili risulta sempre agevole e solo un rilevamento flogistico-ecologico della situazione locale può portare ad una corretta delimitazione cartografica dei due consorzi. ARRIGONI (1998) attribuisce questi boschi all’associazione Fraxino orni-Quercetum ilicis Horvatic (1956) 1958.

Specie indicatrici
Fraxinus ornus L.

Conservazione

In genere i boschi di sclerofille sempreverdi ben difficilmente possono presentarsi come elemento meritevole di conservazione vista il loro secolare uso per legna da ardere. La loro flora è povera e spesso si presenta abbastanza omogenea per tutto il bacino del Mediterraneo. In ogni caso la trasformazione dei cedui in fustaie o almeno cedui matricinati potrebbe portare ad una migliore gestione conservativa del patrimonio forestale costituito da questi consorzi. In futuro si dovrebbero quindi individuare le stazioni che presentano le migliori condizioni di risorse per procedere a questa trasformazione dei cedui semplici di leccio in fustaie o in cedui matricinati. Da notare che secondo la Direttiva habitat (92/43 e successive integrazioni) e la Legge 56/2000 RT i boschi di leccio mesofili con Ostrya carpinifolia e Acer sp. pl. rappresentano un habitat meritevole di conservazione. Tuttavia, non essendoci informazioni riguardanti queste cenosi per il Comune di Capalbio si raccomanda una ricerca al fine di individuare se eventualmente fosse presente questo tipo di habitat. 3) Boschi dominanza di latifoglie dei versanti delle colline interne
I boschi delle colline interne sono dominati dal cerro che partecipa, come albero dominante o codominate, praticamente a tutti i consorzi forestali di latifoglie decidue del territorio comunale. Sulle dorsali le condizioni di xerofila sono accentuate per cui la roverella, albero più rustico del cerro, tende a prendere il sopravvento fino a diventare la pianta dominante. Talvolta si nota una certa degradazione che porta all’infiltrazione di specie eliofile e termofile come il terebinto, la marruca e l’albero di Giuda. Nelle migliori condizioni di disponibilità idrica il cerro diventa l’essenza dominate. In genere i versanti delle colline interne, anche di pertinenza del clima delle latifoglie decidue, presentano buoni valori termici per cui una certa infiltrazione delle specie dei boschi di sclerofille è sempre presente. Dal punto di vista dell’umidità disponibile i versanti presentano suoli meno profondi rispetto a quelli di colluvio, per cui non è sempre garantita una riserva di acqua sufficiente a non determinare limitazioni alla crescita delle piante durante la stagione arida. Si viene quindi a creare una situazione di mesofilia intermedia o mesoxerofilia. Nelle prime viene esaltata la componente comune ai boschi di sclerofille sempreverdi, nelle seconde quella in comune ai boschi di farnetto. Questi rappresentano la cenosi forestale maggiormente esigente in fatto di acqua e termicità. Nella zona in esame si presentano anche condizioni, strettamente limitate al versante settentrionale del fosso di Ripiglio, dove il cerro è consociato ad essenze più tipicamente mesofilo-igrofile come il caprino bianco. Tutte queste situazioni si intergradano fra loro anche al solo variare dell’esposizione e/o della pendenza, o di condizioni locali che favoriscono o no il ristagno di acqua: anche in breve spazio si passa così da cerrete a carattere termofilo a cerrete mesoxerofile a boschi di farnetto a cerrete mesofile. Le tipologie, nell’area in oggetto, sono state delimitate tenendo in considerazione queste premesse ecologiche, ma solo dopo un loro attento studio si potranno tracciare confini maggiormente attendibili e si potranno delineare i modelli di comportamento a fini gestionali-conservativi di questi consorzi. Al momento possiamo individuare e delimitare le seguenti tipologie: - boschi a dominanza di roverella.
- boscaglie degradate a roverella e terebinto.
- boschi misti a dominanza di roverella e cerro.

- boschi a dominanza di cerro.
- boschi misti di cerro e farnetto.
- boschi di latifoglie termoigrofile a dominanza di farnetto.
- boschi mesofili a dominanza di cerro e carpino bianco.


3a) Boschi di latifoglie termoxerofile a dominanza di roverella dei versanti e delle dorsali delle

colline (R)
I boschi a dominanza di roverella risultano abbastanza rari nel territorio del Comune di Capalbio. Si tratta in genere di consorzi che si collocano nelle stazioni più aride che esaltano il
carattere di maggiore tolleranza alla xericità della roverella rispetto al cerro. In genere presentano
un certo grado di degradazione dovuto alla scarsa fertilità delle stazioni che viene aumentata da
tagli a turni piuttosto ravvicinati. La flora di questi boschi è in genere termofila e xerofila, è quindi
rappresentata dalle specie più xerofile dei boschi di leccio e dalle più esigenti in fatto di luce. Dal
punto di vista fitosociologico essi possono essere attribuiti al Roso sempervirenti-Quercetum
pubescentis Biondi 1986
Specie indicatrici
Quercus ilex L.
Quercus pubescens Willd.
Fraxinus ornus L.
Rosa sempervirens L.

3b) Boscaglie degradate a roverella e terebinto (R/T)

Molto interessanti risultano alcune boscaglie che assumono l’aspetto di “pseudomacchie” formazioni particolari in quanto costituite da specie che trovano nella bassa Maremma le uniche
stazioni in Toscana. Si tratta di formazioni aperte localizzate in poche stazioni presso la località
“Giardino” dominate da Cercis siliquastrum L., Paliurus spina-christi Miller e Pistacia terebinthus
L. ma che diventano dominanti nei versanti meridionali della zona di M. Capita - Sassi Neri. Lo
studio floristico-ecologico di queste cenosi potrebbe rilevarsi di estremo interesse naturalistico,
comunque la loro conservazione risulta indispensabile.
Specie indicatrici
Cercis siliquastrum L.
Paliurus spina-christi Miller
Pistacia terebinthus L.
3c) Boschi di latifoglie termoxerofile a dominanza di cerro con roverella delle colline interne
Risulta di gran lunga la tipologia forestale più ampiamente diffusa su tutto il territorio del Comune di Capalbio. I boschi misti di cerro e roverella sono da definire termofili, ma tendono a sfuggire quelle situazioni di xerofilia che invece sono quelle ottimali per la roverella. In queste situazioni il corteggio floristico è caratterizzato dalle specie xerofile più esigenti in fatto di umidità e dalle specie mesofite più tolleranti condizioni di xericità. Dal punto di vista fitosociologico potrebbero rientrare in una variante con cerro del Roso sempervirenti-Quercetum pubescentis Biondi 1986 Specie indicatrici
Quercus cerris L.
Quercus pubescens
Willd.
Quercus ilex
L.
Sorbus domestica L.
Phillyrea latifolia L.

3d) Boschi di latifoglie mesoxerofile a dominanza di cerro dei versanti delle colline interne (C)

Si tratta di consorzi dominati dal cerro (Quercus cerris L.) che nella parte inferiore del versante prende contatto con i boschi di farnetto (Quercus frainetto Ten.) determinando cenosi miste di transizione verso i boschi di farnetto di pianura. L’associazione di riferimento può essere considerato Erico arboreae-Quercetum cerridis Arrigoni & al. 1990

Specie indicatrici
Erica arborea L.
Erica scoparia L.
Serratula tintoria L.

3e) Boschi termoigrofili a dominanza di farnetto e cerro (F/C)

Si differenziano rispetto ai precedenti per una penetrazione di specie termofile ed igrofile e quindi legate ad una maggiore disponibilità idrica. Notevole è la presenza in queste cenosi, soprattutto quelle delle colline nord orientali della pseudosughera (Quercus crenata Lam.), specie sporadica in tutta la Toscana, ma che si presenta costante e con individui di notevoli dimensioni. Per la presenza di un buon numero di specie acidofile o acidotolleranti come Festuca heterophylla Lam., Poa sylvicola Guss., e la stessa pseudosughera, le fitocenosi di questo tipo di
boschi possono essere riferite ad una variante acidofitica del Fraxino oxycarpae-Quercetum cerridis
Foggi & al. 2000.

Specie indicatrici
Quercus crenata Lam.
Ranunculus bulbosus L. subsp. aleae (Willk.) Rouy & Fouc.
Poa sylvicola Guss.

3f) Boschi termoigrofili dei fondovalle e delle aree di colluvio a dominanza di farnetto (F)

Le stazioni farnetto della bassa Maremma sono state segnalate per la prima volta da PAVARI (1955) ed individuate e studiate da ARRIGONI (1974), anche se questa specie era conosciuta in Maremma sotto il nome di “farnia”, come dimostrano alcuni toponimi locali. Il farnetto è una quercia semidecidua ad areale appenninico-balcanico che ha nella bassa Maremma Toscana il limite settentrionale del suo areale italiano. Si tratta di una specie, che almeno in Toscana, si comporta da specie più termofila del cerro, ma con maggiori esigenze di disponibilità idrica per cui le sue stazioni tendono a collocarsi nella parti basali delle colline, tendenzialmente su depositi colluviali, dove il suolo è in grado di assicurare una buona disponibilità idrica anche nei periodi di minore apporto pluviometrico e presenta una maggiore disponibilità di nutrienti. Nelle stazioni meno fertili si nota una presenza di cerro fino a costituire dei consorzi misti di cerro e farnetto. Dal punto di vista fitosociologico le cenosi di farnetto della Maremma sono state attribuite al Pulicario odorae-Quercetum frainetti Ubaldi & al. 1990.
Specie indicatrici
Quercus frainetto Ten.
Lychnis flos-cuculi L.
Pulicaria odora(L.) Rchb.
Simethis mattiazzii(Vandelli) Sacc.

Conservazione
Si tratta in genere di cedui, talvolta invecchiati, la tendenza dovrebbe essere verso la trasformazione guidata di queste cenosi in fustaie, almeno dove le condizioni di fertilità e di disponibilità idrica del suolo lo consentano, o almeno di cedui matricinati in modo da garantire la produzione di seme da parte di queste popolazioni settentrionali ed isolate di farnetto. Da un punto di vista della conservazione i boschi di farnetto della Maremma Toscana rappresentano un habitat di interesse regionale in quanto presente nella legge 56/2000 RT. Oltre ad una conservazione di queste cenosi attraverso la loro trasformazione da cedui in fustaie, si dovrebbe realizzare una banca di semi e di coltura in campo di individui di farnetto locali (vedi normative tecniche per l’istituzione di C.ES.Fl. Centri per la Conservazione ex-situ della Flora di interesse conservazionistico regionale di prossima pubblicazione a cura della Regione Toscana). Un problema per la corretta conservazione della flora erbacea del sottobosco è costituito dalla pressione degli ungulati, soprattutto cinghiali, che scavano alla ricerca di bulbi e tuberi, spesso impedendo una corretta rigenerazione di questa flora. Nelle cenosi di farnetto è presente una specie meritevole di conservazione ai sensi della 56/2000 RT: Vicia sparsiflora Ten., specie meritevole di essere conservata ex-situ in modo da garantire la
presenza del patrimonio genetico di queste popolazioni.
3g) Boschi mesofili a dominanza di cerro e carpino bianco (Cmes)
Questo tipo di formazioni risultano molto rare nella zona e si riscontrano solo nella parte nord del Comune di Capalbio a confine con quello di Manciano, lungo i versanti settentrionali del fosso Ripiglio. Questi boschi sono caratterizzati dalla presenza di un contingente di specie mesofile che si riscontrano in genere ad altitudini più elevate. Notevole la presenza di Lilium croceum.Chaix. Dal punto di vista fitosociologico esse possono essere riferite a Melico uniflorae-Quercetum cerridis Arrigoni 1990.
Specie indicatrici
Carpinus betulus L.
Melica uniflora Retz.
Corylus avellana L.
4) Boschetti lineari dei fondovalle a dominanza di frassino (Fo)
Lungo i torrenti dove vi è una certa presenza di acqua per buona parte dell’anno si trovano formazioni a sviluppo prevalentemente lineare dominate dalla presenza di specie igrofile. Tra le quali la più significativa è il frassino (Fraxinus oxycarpa Bieb.). Talvolta può essere accompagnata da Alnus glutinosa (L.) Gaertn., nelle stazioni quasi pianeggianti dove sono presenti condizioni di forte idrofilia, oppure da Ostrya carpinifolia Scop. nelle stazioni a maggiore pendenza. Talvolta risulta presente anche Acer monspessulanum L. Boschetti a frassino si trovano anche attorno ai laghetti, soprattutto se infraforestali. Manca al momento uno studio fitosociologico della vegetazione dei torrenti della zona mediterranea per cui possiamo attribuire tali cenosi, in via del tutto provvisoria all’associazione
Alno glutinosae-Fraxinetum oxycarpae (Br.Bl. 1915) Tchou 1946.

Specie indicatrici
Fraxinus oxycarpa Bieb.
Alnus glutinosa (L.) Gaertn.
Carex pendula Huds.

Conservazione

Tale habitat, ed in generale gli ecosistemi fluviali, attraversano spesso aree a forte antropizzazione ed ha quindi subito forti processi di degradazione quali la riduzione delle fascia ripariale, l’impoverimento floristico e l’invasione di specie esotiche, processi spesso legati anche ai fenomeni di inquinamento delle acque e del suolo. E’ auspicabile l’individuazione della distribuzione reale di questo habitat nel Comune di Caparbio con ulteriori indagini, anche al fine di mettere in atto misure idonee al loro ripristino ambientale e conservazione. Da notare inoltre l’elevato valore di elemento di connessione ecologica costituito da questo tipo di habitat. Di particolare interesse risulta per esempio la rete dei boschetti lineari della parte settentrionale del territorio, rete che dovrebbe essere conservata e aumentata con l’impianto di alberi di frassino, raccolti nel territorio, in modo da ricostruire i filari alberati anche dove mancano. Questo porterebbe alla formazione di una sorta di “bocage” maremmano che diverrebbe di enorme importanza per la conservazione delle specie ornitiche, di anfibi e rettili legati alla rete di boschetti lineari ripari. Ma se da un lato risulta evidente la necessità di mantenere queste formazioni lineari per mettere in connessione habitat forestali posti in siti lontani fra loro e quindi garantire il miscelamento genetico fra popolazioni separate, dall’altra parte una particolare attenzione dovrà essere impiegata nel bloccare la “percolazione” di specie invasive lungo questi habitat. 5) Boschetti semiripari a farnetto e frassino (F/Fo)
Una interessante variante di questi boschi lineari è rappresentata da boschetti semiripari misti di farnetto e frassino (F/Fo) attorno alla zona dei Lagaccioli. Anche le formazioni planiziali di passaggio fra i boschi di farnetto e le formazioni lineari riparie con frassino ubicate nella porzione nord orientale del territorio comunale (Le Carbonaiacce) si costituiscono formazioni miste di frassino e farnetto che costituiscono un interessante elemento di connessione fra i boschi di versante e le formazioni lineari di fondovalle. Specie indicatrici
Fraxinus oxycarpa Bieb.
Quercus fra inetto Ten.
6) Boschetti con pioppi e frassino delle aree paludose (Fo/P/S)
Si tratta di vegetazione idrofila arborea che si situa lungo i bordi dei laghetti dove il suolo rimane allagato per buona parte dell’anno. Le stazioni sono in genere pianeggianti. Si trovano sul
margine interno del Lago di San Floriano e del Lago Acquato.
Specie indicatrici
Populus alba L.
Populus nigra L.
Salix alba L.
Vegetazione degli stadi di degradazione

Gli stadi di degradazione della vegetazone forestale risultano molto sporadici, segno evidente di una
buona gestione del territorio per la quale la vegetazione forestale è alternata alle zone coltivate o
pascolate. Sebbene alcune macchie si possano trovare su alcune dorsali dei versanti più caldi, in
genere interessanti mosaici costituiti da macchie alteranti a ampelodesmeti e spazi aperti con
garighe e formazioni prative si riscontrano in alcuni grandi oliveti abbandonati, soprattutto attorno a
Poggio Canaglia e sui versanti meridionali presso l’abitato di Capalbio. Le situazioni che si
vengono a determinare in queste condizioni costituiscono dei veri e propri serbato di diversità
flogistica la cui conservazione merita particolare attenzione e la messa a punto di appropriati
modelli di gestione.

Macchie e garighe (Scl)

Le macchie di sclerofille sempreverdi come stadio di degradazione del bosco di leccio non sono comuni nella zona in esame. Esse si rinvengono principalmente come stadio di ricolonizzazione degli oliveti abbandonati. In questi oliveti abbandonati da molti anni si determinano situazioni mosaicate di estremo interesse composte da macchie a dominanza di lentisco (Pistacia lentiscus L.), cisti [Cistus monspeliensis L. e C. creticus L. subsp. eriocephalus (Viv.) Greuter & Burdet (= C. incanus Auct., non L.)], talvolta Rosmarinus officinalis L. e ancor più raramente Teucrium fruticans L. Manca uno studio fitosociologico di questo tipo di vegetazione. Sulle dorsali di alcuni versanti si possono ritrovare anche alcuni piccoli appenzamenti dominati da Erica arborea L. e Arbutus unedo L. attribuibili a Erico arboreae-Arbutetum unedonis Allier &
Lacoste 1980.
Specie indicatrici delle macchie alte
Pistacia lentiscus L.
Erica arborea L.
Arbutus unedo L.
Specie indicatrici delle macchie basse
Cistus monspeliensis L.
C. creticus L. subsp. eriocephalus (Viv.) Greuter & Burdet
Teucrium fruticans L.
Prati annui e perenni

Questo tipo di vegetazione è molto complesso e nel territorio di Capalbio di difficile distinzione, in quanto mancano studi ad hoc. I due sottotipi principali possono essere riferiti a: - vegetazione dominata da erbe annue (pratelli di erbe effimere). - vegetazione dominata da erbe perenni (prati perenni). Il primo tipo è costituito da erbe annue che presentano adattamenti fenologici per resistere alla presenza di una stagione arida, più o meno prolungata, ma ben evidente. In genere si sviluppa in genere su piccole superfici che si insinuano all’interno di altri tipi di vegetazione a maggiore sviluppo estensivo come le garighe o negli oliveti abbandonati da poco tempo. Il secondo tipo è legato a stazioni con climi meno aridi o comunque con periodi di aridità che non determinano una stasi dell’attività vegetativa. E’ dominata da specie perenni, in genere erbe graminoidi o piccoli suffrutici. Si tratta di stadi di degradazione delle formazioni forestali. Il primo tipo domina nella Regione Mediterranea, ed è quindi legato alla Biocora delle sclerofille sempreverdi, il secondo domina nella Regione Europea ed è dinamicamente collegato alle foreste di latifoglie decidue. Nell’area in esame si assiste ad un passaggio fra le due Biocore per cui talvolta i due tipi di stadi di degradazione vengono in contatto formando mosaici di estremo interesse vegetazionale e caratterizzati da livelli
di elevata ricchezza floristica. Di particolare interesse possono rilevarsi alcuni oliveti abbandonati
da più di tre-quattro anni che sembrano mostrare un intricato mosaico fra questi due tipi rilevando
elevatissimi livelli di diversità, con la presenza di specie rare tra cui un elevato numero di specie di
orchidee. Nel territorio capalbiese gravitano molte orchidee di estremo interesse scientifico, quali:
Ophrys tyrrhena Gölz & Reinhard, Ophrys fuciflora (F.W. Schmidt) Moench, Ophrys crabronifera
Ten., Ophrys bertolonii Moretti, Orchis simia Lam., Orchis provincialis Balbis, Orchis purpurea
Huds., Orchis tridentata Scop., Orchis laxiflora Lam., Orchis palustris Jacq. (cfr. DEL PRETE et al.,
1982, 1993), tutte specie sottoposte a vincoli di protezione massima.

Specie indicatrici
pratelli effimeri: erbe annue
prati perenni:
Bromus erectus Huds.
Cephalaria leucantha (L.) Schrad.
Conservazione
Si tratta di due habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 CEE e nella 56/2000 RT; i due habitat possono rilevarsi di interesse prioritario qualora i siti siano
ricchi di orchidee. La conservazione di queste cenosi parte dal mantenimento del mosaico
ambientale attraverso il mantenimento del disturbo: taglio, pascolo, incendio ecc. Questo solo dopo
un attento studio della situazione attuale e la messa in opera di un piano di gestione con annesso un
piano di monitoraggio che possa evidenziare gli eventuali processi di evoluzioni della vegetazione
in atto, possono garantire la conservazione dell’habitat a lungo termine.
Ampelodesmeti (Am)
Questo habitat si trova su ampie superfici soprattutto sui versanti a mare, ma in alcune stazioni si trovano anche all’interno. Essi si situano in gran parte su terrazzamenti abbandonati, dove un
tempo erano impiantate le vigne, ma anche sui versanti percorsi da incendi frequenti, disturbo che
permette la conservazione di tale habitat.
Specie indicatrici
Ampelodesmos mauritanicus (Poir.) Durand & Schinz
Conservazione
Si tratta di due habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 Seguono alcuni appunti su due importanti ecosistemi o sistemi di ecosistemi che risultano di particolare interesse per il territorio del Comune di Capalbio: il sistema dei laghetti e il sistema dunale. Questi due sistemi ecologici rappresentano delle pecularietà per il territorio toscano e in parte peninsulare che meritano una forte attenzione al fine di mettere a punto programmi di gestione mirati alla loro conservazione su lungo termine, anche considerando le probabili opere alle quali potrà andare incontro il territorio in oggetto nei prossimi anni. Sistema dei laghetti
I laghetti della Toscana meridionale sono stati studiati a più riprese da GUAZZI & TOMEI (1993), TOMEI & GUAZZI (1993). In particolare le informazioni sono disponibili per i seguenti sei laghetti: Capalbio, Acquato, Lagaccioli, Marruchetone, S. Floriano e Uccellina; sono inoltre reperibili i dati per il Lago di Burano da ANGIOLINI & al. (2002), ma dal punto di vista ecologico rientra più nel sistema costiero che non nei laghetti di acqua dolce interni. Gli studi disponibili risultano però frammentari e non aggiornati e soprattutto non prendono in considerazione l’ecologia delle specie e dei consorzi vegetali che si vengono a formare. Mancano in pratica tutte quelle informazioni che sarebbero indispensabili per capire il funzionamento ecologico di questi laghetti e quindi per mettere a punto delle linee coerenti per la loro conservazione. Il sistema dei laghetti di Capalbio risulta storicamente conosciuto, si tratta di una serie di piccoli laghi, in gran parte di origine carsica che funzionano da importante serbatoio per le specie igrofile dulcacquicole termofile. La loro importanza è aumentata visto la generale diminuzione della flora igrofila della Toscana e del sud Europa in generale. In tabella 1 è riportata la flora dei laghetti sopra citati, aggiornata al 1993. Dall’analisi della flora segnalata e non più ritrovata, e dalle osservazioni effettuate possiamo dire che: il lago di Capalbio è ormai scomparso. Il lago Acquato (o Adacquato) si è estremamente ridotto anche negli ultimi anni come si può evincere dal confronto della sua estensione con le carte IGM del 1986. La flora ancora segnalata al 1993 denota una perdita di 6 specie (il 37,5 % delle specie segnalate), ma soprattutto non è stato ritrovato Isoetes velata A. Braun, segnalato alla fine del secolo XIX come unica stazione in Toscana, e in altre due aree laziali, ma ormai scomparso ovunque (forse presente ancora in Sicilia e Sardegna). I Lagaccioli sono composti da tre sottounità connesse fra loro, si presentano attualmente in un discreto stato di conservazione, anche se i dati bibliografici segnalano una perdita di 5 specie (quasi il 42% del totale). Da una prima analisi della situazione la flora sembra più ricca di quanto è riportato in letteratura Il lago del Marruchetone è quello che ha la maggiore ricchezza flogistica 60 specie riportate in letteratura, e questa flora ha subito una perdita di 25 unità (circa 42 % del totale). Sono segnalate alcune entità di notevole interesse botanico e abbastanza inusuali per la zona come le utricularie: la flora merita ulteriori indagini. Il lago di San Floriano è quello di maggiori dimensioni e quello con le caratteristiche di vero lago, in quanto l’acqua rimane anche durante la stagione secca. Questa situazione ha permesso la conservazione della sua ricca flora: sono infatti segnalate 46 specie e solo 13 sono ritenute estinte (28 %). Il Lago dell’Uccellina si presenta notevolmente degradato sia per la presenza di animali al pascolo sia per il passaggio di macchine agricole: la flora, peraltro scarsa (16 specie) è scomparsa del 50 %. Comunque dalle osservazioni effettuate ulteriori indagini sono necessarie. Da notare che l’importanza del Laghetto dell’Uccellina è costituita dal fatto che esso è collegato al lago di San Floriano dal fosso dei Pratini esso quindi potrebbe funzionare da serbatoio se il fosso venisse mantenuto con una buona permanenza di acqua per tutto l’anno. Quindi una attenta regimazione delle acque del lago dell’Uccellina e del fosso dei Pratini potrebbero far sì da mantenere in vita un importante corridoio ecologico per la conservazione della flora igrofila del sistema Uccellina-San Floriano. Oltre a queste aree umide storicamente conosciute, ma meritevoli di ulteriori indagini, sono presenti nella zona altri laghetti la cui flora e vegetazione non è per niente conosciuta. Vegetazione idrofitica e microelofitica dei laghetti
Vegetazione flottante con specie appartenenti al gen. Ranunculus subgen. Batrachium
Fitocenosi attribuibili a questo habitat sono presenti in alcuni laghetti. Attorno e all’interno dello specchio d’acqua di alcuni laghetti si sviluppano mosaici di fitocenosi di piccole dimensioni costituite da specie appartenenti a forme di crescita diverse. Nella parte interna è distribuita la vegetazione idrofitica flottante e radicante dominata da Ranunculus subgen. Batrachium. Si tratta di un habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 CEE come habitat di interesse prioritario e nella 56/2000 RT. Queste cenosi meriterebbero un attento studio sia per una corretta identificazione di questo complesso di specie di ranuncoli, sia per individuare i pericoli attualmente esistenti e dei programmi di gestione al fine di una loro conservazione a lungo termine. Sistema dunale
Il sistema dunale della Duna di Burano risulta un ecosistema ampiamente studiato e le note di seguito derivano dall’analisi della letteratura esistente. Si tratta di un complesso abbastanza ben conservato anche se manca completamente la fascia ad Ammophila arenaria L. subsp. australis (Mabille) Lainz che indica un sistema dunale non completamente sviluppato; esso è costituito dai seguenti tipi di vegetazione a partire dalla linea di costa: Vegetazione delle dune embrionali a dominanza di agropiro
(Elytrigia juncea = Agropyrum junceum)
L’agropireto risulta ben sviluppato su tutta l’estensione della duna. Queste fitocenosi sono attribuibili al Echinophoro spinosi-Elytrigietum juncei Gehu 1996. Specie indicatrici
Elytrigia juncea (L.) Nevsky
Echinophora spinosa L.
Conservazione
Si tratta di un habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 CEE Vegetazione basso suffruticosa retronale a
dominanza di elicriso e crucianella
Questo tipo di vegetazione si insinua all’interno formando una sorta di mantello posto fra la vegetazione erbacea di duna e la vegetazione delle boscaglie di ginepri. L’associazione di
riferimento è Crucianelletum maritimae Br.Bl. 1933.
Specie indicatrici
Crucianella marittima L.
Helichrysum stoechas (L.) DC.
Conservazione
Si tratta di un habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 CEE Boscaglie a dominanza di ginepri costieri
Si tratta di una macchia densa, compatta, dominata dai ginepri costieri: Juniperus macrocarpa Sibth. & Sm. e J. turbinata Guss. (= J. phoenicea Auct., non L.) e da Phillyrea angustifolia L., che
si distribuisce nella parte più alta della duna determinando il suo completo consolidamento. Le
boscaglie a ginepri costieri dunali sono attribuibili all’associazione Phillyreo angustifoliae-
Juniperetum turbinatae Bartolo & al. 1992.
Specie indicatrici
Juniperus macrocarpa Sibth. & Sm.
Juniperus turbinata Guss.
Phillyrea angustifolia L.
Conservazione
Si tratta di un habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 CEE come habitat di interesse prioritario e nella 56/2000 RT. Vegetazione di erbe annue effimere delle zone retrodunali
Queste cenosi sono formate da piccole piante annuali come Tuberaria guttata (L.) Fourr., Trifolium cherleri L., Medicago littoralis Rhode ex Loisel. e Vulpia sp.pl. Si tratta di fitocenosi rilevabili solo nelle prime fasi del periodo primaverile, tendendo a scomparire con l’aumentare dell’aridità. Sono formate da molte specie per cui la loro conservazione
è molto importante.
Specie indicatrici
Tuberaria guttata (L.) Fourr.
Medicago littoralis Rhode ex Loisel.
Conservazione
Si tratta di un habitat meritevole di conservazione presente nell’All. I della Direttiva 92/43 CEE come habitat di interesse prioritario e nella 56/2000 RT. La conservazione di queste cenosi parte dal mantenimento del mosaico ambientale e solo la messa in opera di un piano di gestione con annesso un piano di monitoraggio che possa evidenziare gli eventuali processi di evoluzioni della vegetazione in atto, possono garantire la conservazione dell’habitat a lungo termine. La vegetazione dei sistemi dunali è oggi interessata da estesi fenomeni di antropizzazione in tutte le sue parti. La prima fascia dominata da specie annuali che risentono dell’effetto del movimento del mare sono spesso scomparsi oppure interessati dalla presenza di specie nitrofile-ruderali come Xanthium italicum Moretti (presente anche a Burano). La compattazione delle prime fascie ha portato alla scomparsa delle formazioni vegetali costruttrici della duna (agropireto) oppure alla scomparsa dell’ammofileto. La mancanza dell’ammofileto e la conseguente contatto spaziale fra l’agropireto e il crucianelleto, formazione tipicamente retrodunale, mette in evidenza come la duna di Burano manchi di rinascimento e quindi suscettibile di erosione. La messa a punto di un sistema di monitoraggio dell’intero sistema dunale potrebbe evidenziare per tempo i fenomeni più evidenti e pericolosi per questo ecosistema. Possibili indicatori della presenza di fenomeni di eutrofizzazione:
Xanthium italicum Moretti
Atriplex sp.pl
Anthemis marittima L. (in aumento)
Bromus sp. pl.
Lagurus ovatus L.
Possibili bioindicatori delle perturbazioni antropogene:
Calpestio: Plantago sp.pl., Tribulus terrestris L., Cynodon dactylon (L.) Pers.
Accumulo rifiuti: Verbascum sp.pl., Cardueae varie (Cardi)
Sistema degli stagni retrodunali
All’interno dei sistemi dunali possono essere presenti delle aree retrodunali più o meno allagate che completano l’intero sistema dunale fatto, quando sviluppato nel suo insieme, da una serie di dune ed interdune. Il sistema retrodunale è composto da habitat diversi, spesso anche di dimensioni non superiori al metro quadrato, che si intersecano fra loro in un “continuum” determinato dalle variazioni continue dei parametri fisici: salinità del substrato, granulometria, livello topografico, livello di evoluzione. Giuncheti
Giuncheto litoraneo subsalso allagato per buona parte dell’anno

Puccinellio festuciformis-Juncetum maritimi (Pignatti 1953) Gehu 1984
Specie guida
Carex extensa Good.
Giuncheto litoraneo salso allagato per tutto l’anno

Inulo crithmoidis-Juncetum maritimi Brullo & al. 1988
Specie guida
Juncus maritimus Lam.
Vegetazione dei bordi a livello topografico superiore

Elytrigio elongatae-Inuletum crithmoidis Br. Bl. 1952
Specie guida
Elytrigia elongata (Host) Nevsky

Conservazione

Parte o tutti questi tipi di vegetazione potrebbero entrare nell’habitat “Steppe salate dei Limonietalia” presente nella Direttiva 92/43 CEE e nella legge 56/2000 RT. Salicornieti
La vegetazione a salicornie presente sui bordi del Lago di Burano può essere articolata in due Vegetazione a dominanza di suffrutici succulenti presente nei livelli topografici medi e
superiori in condizioni di moderata salinità
Puccinellio festuciformis-Sarcocornietum fruticosa (Br.Bl. 1928) Gehu 1976
Specie guida
Sarcocornia fruticosa (L.) A.J.Scott
Vegetazione dei livelli topografici bassi delle depressioni salate
in condizioni di elevata salinità
Puccinellio convolutae-Arthrocnemetum macrostachyi (Br.Bl. 1928) Gehu & al. 1984
Specie guida
Arthrocnemum macrostachyum (Moric.) Moris & Delpino
Vegetazione terofitica a salicornie annuali delle depressioni salate
su suoli sabbioso limosi
Suaedo maritimae-Saliconietum patulae (Brullo & furnari 1976) Gehu & Gehu Frank 1984
Specie guida
Salicornia sp.pl.
Vegetazione fanerogamica delle praterie sommerse delle lagune costiere
Giuncheti e cladieti palustri dulcaquiculi alotolleranti
Si sviluppano nelle parti più interne del Lago di Burano dove si risente solo marginalmente della penetrazione della falda salata marina. Due sono i principali tipi di vegetazione che si possono riscontrare nel Lago di Burano
Scirpeti

Specie guida
Bolboschoenus maritimus (L.) Palla (= Scirpus maritimus L.)
Cladieti

Specie guida
Cladium mariscus (L.) Pohl
Le aree di collegamento ecologico
Come viene indicato nelle "Indicazioni tecniche per l'individuazione e la pianificazione delle aree di collegamento ecologico (L.R. 56/2000)" solo dopo una dettagliata analisi strutturale e funzionale delle risorse del territorio si possono delineare le azioni di conservazione, restauro e creazione delle aree di collegamento ecologico. Comunque da una prima analisi della situazione presente nel territorio del Comune di Capalbio si possono individuare i seguenti principali problemi di mancata o ridotta connessione ecologica. La bassa Maremma Toscana si presenta come un territorio molto omogeneo: le colline che prendono contatto con le dorsali montane che arrivano verso l’Appennino, sono alternate ad ampie superfici coltivate, scarsa è la presenza di superfici con vegetazione arbustiva. All’interno di questo esteso paesaggio si possono individuare due principali tipologie di elementi di collegamento: - macrocollegamento - microcollegamento la distinzione fra le due tipologie risulta dalla scala alla quale la funzione di collegamento può essere apprezzata. Gli elementi di macrocollegamento debbono essere ricercate nelle grandi superfici boscate
collocate sulle dorsali. Queste devono consentire il collegamento fra le aree costiere ad alta naturalità come il sistema duna-lago di Burano e i rilievi del Preappennino e da qui alla catena appenninica. Minori situazioni di “rottura” di collegamento possono essere individuate anche fra le tre principali dorsali orientate in senso sud-nord presenti nel territorio comunale: Poggio Forame - Poggio dei Butteri ad ovest, Poggio Casaglia - M. Verruzzo al centro e Le Carbonaiacce - Poggio Bellino a oriente. Queste interruzioni sono di piccola entità e potrebbero essere facilmente riattivate. Ad ovest per esempio si dovrebbe facilitare la continuità dell’area Poggio di Tutto il Mondo - Le Pianacce (Manciano) fino a complesso Poggio Forame -Poggio dei Butteri e da qui verso la zona di Burano. Nella parte centrale, la dorsale collinare che aggira l’abitato di Capalbio continua verso nord senza interruzioni fino a M. Marciano (Manciano) tendendo a frammentarsi in seguito. Verso oriente la continuità fra la zona costiera e quella della dorsale che parte dal Poggio Bellino risulta di difficile riattivazione, ma questo potrebbe essere aggirato con collegamenti laterali verso la dorsale centrale attraverso la zona del Diaccialone - Le Carbonaiacce. Particolarmente impegnativo sarà il mantenimento delle funzioni di connessione verso la zona costiera per la presenza di importanti elementi di “rottura” del collegamento come la ferrovia costiera e la variante dell’Aurelia che portano ad isolare gli elementi costieri da quelli interni. Progettare zone di attraversamento di queste importanti barriere lineari sarà di particolare importanza. Si potrebbe ipotizzare l’abbassamento del piano dell’Aurelia a della ferrovia in modo da creare “ponti” idonei alla libera circolazione degli animali e delle piante.
Gli elementi di microcollegamento sono rappresentati dalla rete di formazioni lineari che
connettono laghetti ed aree umide presenti soprattutto nella porzione settentrionale del Comune di Capalbio a contatto con quello di Manciano. Tale rete si può ipotizzare a partire dalla Sgrilla con un ramo orientale che arrivi fino a Vallerana, i laghi Acquato e Lagaccioli, il fosso delle Cionce fino a Pescia Fiorentina e poi verso il mare; oltre ad un ramo occidentale che da Vallerana proceda verso la il fosso della Forcola e poi verso la zona del Marruchetone e di San Floriano. Anche queste reti di acqua subiscono l’interruzione a livello delle grandi linee di comunicazione che scorrono parallele alla linea di costa. Queste formazioni lineari arboree in gran parte dominate da Fraxino oxycarpa talvolta in consociazione con Ulmus minor o, più sporadicamente con Quercus frainetto, rappresentano uno degli elementi di maggiore interesse naturalistico in quanto in grado di garantire alti valori di connettività nel paesaggio dominato dalle colture estensive. Le formazioni con farnetto e frassino potrebbero inoltre funzionare da collegamento fra le grandi strutture boscate (macrocorridoi). I laghetti, sia di origine carsica che artificiali per l’irrigazione, rappresentano degli importanti elementi “serbatoio” per la flora e la fauna legata agli habitat acquatici, o almeno umidi. Gli elementi di collegamento costituiti dalle formazioni lineari sono di vitale importanza per mantenere un certo livello di scambio fra le popolazioni che vivono isolate in queste laghetti. Nelle aree coltivate la rete delle formazioni lineari potrebbe essere riattivata, dove ridotta o mancante, attraverso le leggi che la Regione Toscana prevede proprio per questo motivo. Bibliografia
ANGIOLINI C., RICCUCCI C. & DE DOMINICIS V., 2002 - La flora vascolare della Riserva Naturale Lago di Burano (Grosseto, Toscana meridionale). Webbia 57(1): 115-152
ARRIGONI P.V., 1974 - Ricerche sulle querce caducifoglie italiane. III. ”Quercus frainetto” Ten. in Toscana. Webbia 29(1): 87-104.
ARRIGONI P. V., 1998 - La vegetazione forestale. Boschi e macchie di Toscana. Dipartimento sviluppo ARRIGONI P. V., 2001 - A forest vegetation map: an ever-chainging document. Parlatorea 5: 119-127.
ARRIGONI P. V. & DI TOMMASO P. L., 1997 - La vegetazione del Monte Argentario (Toscana meridionale).
Parlatorea 2: 5-38.
ARRIGONI P. V. & MENICAGLI E., 1999 - Carta della vegetazione forestale (scala 1: 250.000). Note illustrative. Boschi e macchie di Toscana. Dipartimento sviluppo Economico, Regione Toscana, Firenze. ARRIGONI P.V., NARDI E. & RAFFAELLI M., 1985 - La vegetazione del Parco Naturale della Maremma (Toscana). Con carta in scala 1:25000. Università degli Studi di Firenze. Dipartimento di Biologia Vegetale. BIONDI E., 1999 - Diversità fitocenotica degli ambienti costieri italiani. Atti XIII Convegno del Gruppo per l’ecologia di base “G. Gadio”. Boll. Museo Civ. St. Nat. Venezia 49 (suppl.): 39-105.
BRULLO S., 1995 - Stagni temporanei mediterranei (Isoeto-Nanojuncetea). Relazione introduttiva. Rapporto inerente gli habitat prioritari della Direttiva 92/43 “Habitat”. Soc. Bot. Ital., Roma. DEL PRETE C., TICHY H & TOSI G., 1982 - Le orchidee spontanee della provincia di Grosseto. ATLA, DEL PRETE C., TICHY H & TOSI G., 1993 – Le orchidee spontanee della Maremma grossetana. PROGRAMS GEHU J. M., COSTA M., SCOPPOLA A., BIONDI E., MARCHIORI S., PERIS J. B., FRANK J., CANIGLIA G. & VERI L., 1984 - Essai synsystématique et synchorologique sur les végétation littorales italiennes
dans un but conservatoire. I. Dunes et vases salees
. Doc. Phytosoc., n.s., 8: 394-474.
GUAZZI E. & TOMEI P. E., 1993 - Contributo alla conoscenza dei biotopi idrofili presenti nella Toscana meridionale. Atti Mus. Civ. Stor. Nat. Grosseto 15: 23-53
MONDINO G. P., 1998 - La vegetazione potenziale. Boschi e macchie di Toscana. Dipartimento sviluppo MONDINO G. P. & BERNETTI G., 1998 - I tipi forestali. Boschi e macchie di Toscana. Dipartimento sviluppo PEDROTTI F., ORSOMANDO E. & CORTINI PEDROTTI C., 1975 - Carta della vegetazione del Lago di Burano e della duna di Capalbio (Grosseto). C.N.R., LAC, Firenze. PEDROTTI F., ORSOMANDO E. & CORTINI PEDROTTI C., 1975 - Carta della vegetazione del Lago di Burano e della duna di Capalbio (Grosseto). Consiglio Nazionale delle Ricerche. LAC, Firenze. PEDROTTI F., ORSOMANDO E. & CORTINI PEDROTTI C., 1979 - Phytosociological map of Burano (Tuscany). Webbia 34(1): 529-531.
REGIONE TOSCANA, 2000 – Legge Regionale 6 Aprile 2000 n. 56. Norme per la conservazione e la tutela degli habitat naturali o seminaturali, della flora e della fauna selvatiche. REGIONE TOSCANA, 2002 – Deliberazione di Giunta Regionale n. 1148 del 21 ottobre 2002 L.R.56/2000 – Indicazioni tecniche per l’individuazione e la pianificazione delle aree di collegamento ecologico. TOMEI P. E. & GUAZZI E., 1993 - Le zone umide della Toscana. Lista generale delle entità vegetali. Atti Mus. Civ. Stor. Nat. Grosseto 15: 107-152
VAGGE I. & BIONDI E., 1999 - La vegetazione delle coste sabbiose del Tirreno settentrionale italiano. Fitosociologia 36(2): 61-96.

Source: http://www.comune.capalbio.gr.it/assets/files/capalbio/Piano_Strutturale/CAP%2011%20-%20VEGETAZIONE.pdf

Microsoft word - was verursacht den tinnitus

Was verursacht den Tinnitus ? Als erstes die guten Nachrichten - wir wissen was den Tinnitus verursacht. Und jetzt die schlechten Nachrichten - konventionelle medizinische Wissenschaft kann ihn nicht heilen. Zumindest nicht auf die Dauer. Sicherlich wird Ihr Arzt ein paar Heilmittel vorschlagen, und es könnte Ihnen so vorkommen, als ob die von Ihnen gehörten Geräusche weniger werden. Darauf

Akty.indd

ROZPORZÑDZENIE MINISTRA ZDROWIA 1) w sprawie dopuszczenia do obrotu produktów leczniczych w placówkach obrotu pozaaptecznego i punktach aptecznych Na podstawie art. 71 ust. 3 pkt 1 i 2 ustawy z dnia§ 4. Do obrotu w punktach aptecznych dopuszcza6 wrzeÊnia 2001 r. — Prawo farmaceutyczne (Dz. U. z 2004 r. Nr 53, poz. 533, z póên. zm.2)) zarzàdza si´, co2) wy∏àcznie na podst

Copyright © 2010-2014 Medical Pdf Articles